Fratelli

Fratelli

Salve lettore, io sono Paolo, lieto di fare la tua conoscenza.
Con questa introduzione non voglio raccontarti di ciò che andrai a leggere, mi piacerebbe invece spiegarti come leggere.
L’immedesimazione e l’immaginazione sono i pilatri principali nella nostra vita, la prima ci dà la possibilità di vivere tante vite diverse ed è strettamente collegata con la seconda.
Quante volte ti sarà capitato ascoltando la tua canzone preferita di immaginarti il tuo futuro, il tuo passato, i tuoi sogni o semplicemente qualcosa di tranquillo in grado di darti felicità o di farti venire la pelle d’oca.
L’immaginazione dà speranza ed è il nettare dei desideri; inoltre durante la crescita aiuta a crearci la nostra immagine di come vorremmo essere da “grandi”, immagine in cui ci immedesimeremo per il resto della vita.
Detto questo caro lettore voglio chiederti uno sforzo, usa la stessa immaginazione che hai utilizzato che hai utilizzato per diventare ciò che sei, la stessa immaginazione che ti porta a sognare il domani, la stessa immaginazione che da’ vita ai tuoi sogni, per immedesimarti in una nuova persona così da poter ascoltare la più incredibile di tutte le avventure.

In copertina:
disegnata da Giulia Proietti, come ogni opera deve essere interpretata per poter essere apprezzata al meglio. I quattro fanti rappresentano i protagonisti del racconto, i quali non sono altro che delle carte nelle mani dei potenti nel gioco più pericoloso di tutti: la guerra.
Sul tavolo sono poggiati i due punti cardine su cui vertono tutti i conflitti della storia: la violenza (pistola Mouser) e il denaro (le fiches).
Ma anche se le persone si riducono a delle semplici carte da gioco bisogna ricordarsi che proprio le carte, più del giocatore stesso, decidono una partita.

Lascia un commento